blow up magazine: three reviews

Nel contesto della serie ‘Private Sounds’ della Silentes, due nuove uscite accomunate da un pregevole package con vinile grigio in soluzione single sided e una tiratura complessiva di novantanove copie, di cui tredici con una fotografia come inserto. La prima rinnova la collaborazione tra Stefano Gentile e Gianluca Favaron nota come Under The Snow, dimensione dalle dominanti componenti improvvisative che sembrano persino meno soggette a posteriori rielaborazioni rispetto al solito nei venti minuti di “The Background Noise“, spaesante gioco di attraente elusività, di rarefazioni e rimpalli tra la chitarra di Gentile e l’elettronica e il lavoro di processing di Favaron; nella seconda, più nervoso e frastagliato, con vasto dispiego di delay, il programma per ‘oggetti ed effetti’ di “Surfaces” del solo Gianluca, diviso in sei movimenti, dalle suggestioni esoteriche il quarto, che tengono fede all’assunto di matrice concreta dell’album, con qualche accessoria scabrosità e inclinazione oscura che certamente non guasta. Materia non dissimile, in particolare nelle due parti di Objects And Time, è quella impiegata per il capitolo che sempre Favaron ha condiviso con Corrado Altieri, aka Uncodified, “The System Of Objects“, titolo naturalmente mutuato dall’omonimo libro di Baudrillard. L’album è decisamente meno sfuggente e con un profilo marcatamente post-industrial: esemplari Unconscious System ed Adjustment, che abbraccia orbite dark ambient, con notevoli palleggiamenti con la concreta in Cultural Censorship e A Closed Language e minimaliste movenze in Serial Conditioning. [Paolo Bertoni]

Advertisements