Monthly Archives: July 2014

Decomposed Days [PRESS]

10553408_927084340651803_7914120720133053748_n“Decomposed Days” is the new collaborative effort by Corrado Altieri (Candor Chasma, Monosonik, Uncodified) and Gianluca Favaron (Ab’she, Under The Snow, Zbeen), two major artist in the experimental electronic scene.
Released one year after “System Of The Objects”, a tribute to Jean Baudrillard, “Decomposed Days” relates to the possible connections between space, time and memory, making reference to imaginary movies as well as existing ones (like Peter Greenaway’s “Vertical Features”). The album’s five compositions are built with a crosspollination between musique concrete, abstract noise textures, radical computer music and techno splinters, leading to surreal territories.
Continue reading

Advertisements

split tape review: tabs out

beaudry favaron tapes scanThis is an album of interesting textures. You’re not going to find many musical notes on this album, and may even have a hard time finding guitar tabs on the internet for it…. Hold on, let me check …. *three years later* …. nope … nothing. On the A Side, Gianluca does field recordings and Brian does electronics. On the B Side they switch roles. It’s an interesting concept. Furtherly, to tickle your musical earbuds, both sides are quite different.
Continue reading

equivalent xi: the new noise

coverCon Equivalent XI Gianluca Favaron raggiunge un’essenzialità e una semplicità spiazzanti, di quelle che alla fine del disco non ti lasciano fermare il giudizio. Un album che passa quasi senza accorgersene dal plugged all’unplugged, suonato con oggetti (il sistema degli oggetti?) di uso comune, che divengono le percussioni appartenenti al rituale più antico del mondo, quello della quotidianità, e vengono a seconda dei bisogni messi in loop ed effettati. Per carità, non è un disco degli STOMP, piuttosto sembra vicino in qualche modo al lavoro di Helena Gough e fa fare alle orecchie un balzo all’indietro nel fino a tracce come “Vi Scose Poise” degli Autechre di Confield, non a caso uno degli album più ostici usciti su Warp. Questa vicinanza è dovuta anche al fatto che a un dato momento – paradossalmente se si considerano le sorgenti sonore – il lavoro di Favaron giunge quasi all’astrattezza, accompagnata da una sottile inquietudine (sentire soprattutto la traccia finale).
Difficile, difficilissimo. Se fosse facile, però, forse non saremmo qui…
[Fabrizio Garau | The New Noise]